fbpx

L’evoluzione del delivery: i meal kit e box gourmet

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ormai sono quasi tutti d’accordo sul fatto che il crescente incremento del delivery continuerà la sua ascesa anche dopo l’uscita dall’emergenza Covid-19. I dati a disposizione confermano la tendenza: secondo il Sole24Ore all’interno del comparto delle vendite online, la componente più rilevante circa dell’87% è rappresentata dal food, in larga parte composto dal segmento non deperibile grocery +85%, poi il food delivery +19% e l’enogastronomia +63%, rispetto al 2019.

 

Nel 2020 il giro d’affari del meal delivery ha raggiunto i 706 milioni di euro con un incremento del +19% rispetto al 2019. Circa il 25% dell’intero settore del cibo a domicilio è trainato dagli ordini online contro il 18% del 2019. Nel 2020, 7 italiani su dieci hanno ordinato piatti pronti da ristoranti, pizzerie e altri locali per l’asporto o con consegna a domicilio; il 28% lo ha fatto tramite piattaforme di consegne e il 12% ha usato direttamente il sito/l’app del negozio o ha prenotato tramite social, whatsapp, telefono (fonte Nomisma-Crif 2020).

 

Le comodità offerte dal servizio, che in un certo senso hanno “viziato” i consumatori durante i periodi di lockdown, saranno difficili da negare in futuro. D’altronde i ristoratori, hanno colto l’opportunità per dare slancio ad alcune idee di business che prima del Covid-19 suscitavano loro dei dubbi circa la risposta che potevano avere dal mercato. Ci riferiamo alle dark/ghost kitchen e alle varie forme di offerte e menu pensate appositamente per essere consegnate a domicilio (box gourmet, menù da consumare subito, piatti da assemblare a casa o da rigenerare).

 

Queste ultime vengono definite meal kit o meal box e rappresentano la strada intrapresa da molti locali stellati o gourmet di fronte alla sfida di di dover mantenere lo stesso standard di posizionamento e di qualità dei piatti, per soddisfare i propri clienti.

 

Il consumatore consapevole, non vuole rinunciare all’autentica cucina gourmet: è innegabile però che gli ormai tradizionali modelli di delivery non possono preservare tutta la qualità dei piatti appena cucinati all’interno del ristorante; d’altra parte, per i ristoratori stessi è impensabile tagliare i costi di una materia prima d’eccellenza. Ecco perché, la maggior parte di essi, ha istituito un innovativo servizio di delivery, che permetterà a tutti di degustare il menù studiato dallo chef, nell’intimità di casa propria e preservando lo stesso standard qualitativo.

 

 

I meal kit: cosa sono esattamente

 

Il meal kit non è che è un insieme di prodotti semilavorati e già porzionati in base al numero di persone che lo consumeranno, consegnati all’interno di una scatola direttamente a casa dei clienti. Gli ingredienti, freschi o secchi, possono essere messi sottovuoto o in contenitori ermetici refrigerati, in scatole di cartone o ancora in borse riciclabili purché siano MOCA idonei per il food delivery. Il contenuto della scatola, inoltre, è studiato appositamente per permettere a chi lo riceve di ricreare, in poco tempo, un piatto all’altezza di un ristorante.

 

Questi nuovi modelli di delivery pensati dai ristoranti stellati e gourmet, si dispiegano su diverse formule:

  • Ingredienti primari e materie prime: si fanno recapitare a casa gli ingredienti primari d’eccellenza necessari per riprodurre un piatto dello chef.
  • Piatti semipronti da rigenerare in casa: il ristorante invia dei cibi precotti, semi pronti e imbustati secondo norma e a garanzia della conservazione degli ingredienti che vanno rigenerati in casa.
  • Piatti da assemblare e rigenerare: i piatti arrivano scomposti e semilavorati e basta solo assemblarli e rigenerarli.

 

La particolarità di queste sfumature di servizio è l’aggiunta delle istruzioni necessarie affinché i piatti, rigenerati in casa, mantengano il livello di alta cucina. C’è chi ha pensato a una box che includa, oltre agli ingredienti e ai semilavorati, gli step da seguire passo dopo passo tramite un’accurata descrizione, chi ha pensato a un video sul proprio canale social a seconda dei piatti proposti o chi addirittura ha inserito all’interno della meal box dei QR Code che rimandano direttamente a un video per rigenerare e preparare il piatto gourmet. 

 

L’idea delle meal box sono una doppia innovazione: i clienti potranno avere a casa propria tutti gli ingredienti per un pranzo o una cena gourmet e allo stesso tempo avranno l’opportunità di essere guidati indirettamente dallo chef per rigenerare il piatto secondo le corrette procedure, dalla mantecatura, alla temperatura e al tempo di cottura.

 

Si potrebbe pensare che questo nuovo modo di riconfigurazione del delivery, possa essere un’opportunità non solo per i ristoranti di eccellenza italiana, ma anche per tutti quei locali che hanno voglia di investire sulla propria cucina.

Per sapere di più su Dishup, visita il sito www.dishup.it 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin